FAQ - Edilizia Privata

In questa pagina pubblichiamo le domande più frequenti che ci vengono rivolte dai cittadini, che desiderano fare interventi edilizi. Il servizio FAQ è curato dai tecnici della U.O. Edilizia Privata del Comune.

FAQ - Domande frequenti

1. Buongiorno, è possibile posizionare una casa mobile su ruote tipo roulotte su un terreno agricolo? Grazie in anticipo.
Ai sensi della vigente disciplina regionale relativa alle zone agricole, non è ammessa l’installazione di una roulotte o una casa mobile in zona agricola.

2. Sono un privato, proprietario di un fabbricato residenziale con annesso terreno in zona agricola, posso realizzare una piscina?
E’ ammessa la realizzazione di piscine secondo i termini dettati dall’art. 43 delle Norme Tecniche di Attuazione del Piano Regolatore vigente. Dal 12/05/2012 e fino all’adozione del nuovo Regolamento Urbanistico, ai sensi della Delibera Giunta Reg. Toscana 118 del 10/02/2003 e della Delibera Giunta Reg. Toscana 145 del 10/02/2010, sono applicate le limitazioni al potere di pianificazione comunale, nelle quali è previsto, tra l’altro, il divieto di realizzare impianti sportivi con carattere pertinenziale (piscine, campi da tennis ecc…), a servizio degli edifici esistenti posti in zona agricola. Per tutti gli edifici posti in zone diverse si applica il suddetto articolo 43 delle N.T.A. vigenti.

3. Sulla terrazza di circa 60mq del mio appartamento è possibile installare un gazebo/pergolato?
Ai sensi del Regolamento Manufatti Leggeri Titolo I°, punto 5 (approvato con Del. Cons. Comunale 46 del 19/05/2011) per gazebo si intende: manufatto costituito da struttura leggera in legno o metallo, privo di chiusure laterali, di copertura realizzata con materiali rigidi, impermeabili e durevoli, nonché di pavimentazioni continue o altre opere murarie, destinato ad uso stagionale e atto ad ombreggiare spazi di soggiorno temporaneo all’aperto; per pergolato si intende: manufatto costituito da struttura leggera a sviluppo lineare, costituente il supporto di vegetazione rampicante o di altri elementi aventi esclusiva funzione ombreggiante, comunque non suscettibili di offrire riparo dalle precipitazioni atmosferiche. La collocazione sia di gazebo che pergolati può avvenire su tutto il territorio comunale, in spazi pertinenziali ad edifici, salvo la verifica di eventuali vincoli preordinati e previa presentazione di comunicazione inizio lavori (CIL – modello G2 scaricabile dal sito internet del comune), ai sensi dell’art. 80 della L.R. 1/2005.

4. Salve, sono proprietario di un vecchio fienile situato in zona agricola che vorrei ristrutturare per farci l’abitazione di mio figlio, come posso procedere?
Dal 12/05/2012 e fino all’adozione del nuovo Regolamento Urbanistico, ai sensi della Delibera Giunta Reg. Toscana 118 del 10/02/2003 e della Delibera Giunta Reg. Toscana 145 del 10/02/2010, sono applicate le limitazioni al potere di pianificazione comunale, nelle quali è previsto, tra l’altro, il divieto di aumentare il carico urbanistico mediante interventi di frazionamento e cambio di destinazione d’uso degli edifici esistenti posti in zona agricola e non più utilizzati a fini agricoli. Pertanto l’intervento potrà eventualmente essere eseguito successivamente all’adozione da parte dell’Amministrazione del RUC.

5. Posso installare nel mio giardino una casetta in legno prefabbricata per il ricovero degli attrezzi vari?
Il comune ha emanato un apposito regolamento per la realizzazione di Manufatti Leggeri (approvato con Del. Cons. Comunale 46 del 19/05/2011 e scaricabile dal sito internet comunale), nel quale è prevista la possibilità di installare, dietro semplice comunicazione (CIL – modello G2 scaricabile dal sito internet del comune), nelle pertinenze delle abitazioni esistenti, piccoli manufatti in legno con funzioni accessorie, di dimensioni massime pari a mq. 6.00, altezza massima al colmo mt. 2.20 e non più di 2 per unità immobiliare. Nello stesso regolamento sono previste ulteriori tipologie di manufatti per serre da giardino, box ricovero attrezzi da giardino e tettoie per ricovero autovetture.

6. Possiedo un terreno di 1500 mq in zona agricola, dove coltivo un piccolo orto per le esigenze della mia famiglia, posso costruire un edificio per rimessaggio attrezzi?
Ai sensi dell’art. 7 allegato B al Regolamento Edilizio si possono realizzare manufatti per le esigenze delle attività amatoriali e le piccole produzioni agricole. In particolare il ricovero attrezzi può essere realizzato in terreni di almeno 200 mq di superficie (massimo 10 mq. di fabbricato), mentre per superfici territoriali maggiori (da 1000 mq fino a 10000), la superficie costruita può essere fino a 20 mq, ecc…
La tipologia di riferimento è il legno, con copertura a falda, prefabbricato rimovibile per smontaggio e non per demolizione. I manufatti sono realizzabili mediante rilascio di Permesso di Costruire ai sensi dell’art. 78 della L.R. 1/2005.

7. Vorrei accedere agli incentivi del conto energia per l’installazione di pannelli fotovoltaici sulla mia abitazione, qual’ è la procedura da seguire?
Il riferimento normativo per l’installazione di pannelli solari e fotovoltaici è la L.R. 39/2005, oltre all’art. 74 del Regolamento Edilizio. Se riferiti al fabbisogno familiare, possono essere installati mediante semplice comunicazione inizio lavori utilizzando il Modello G3 scaricabile dal sito internet; sulla copertura in modo aderente o integrato, possono avere potenza maggiore, altrimenti se l’installazione avviene a terra o in copertura ma con diversa inclinazione, la potenza massima è pari a 5 kw. Per potenze maggiori la procedura è diversa.

8. La mia casa si trova in zona sottoposta a vincolo paesaggistico, cosa devo fare per eseguire lavori di modifica alla facciata?
Qualsiasi intervento che comporti un’alterazione alle parti esteriori di un edificio e/o delle sua pertinenza, se in zona vincolata, è regolato dal codice dei beni architettonici e del paesaggio (D.Lgs 42/04) ed è assoggettato alla cd. procedura di autorizzazione paesaggistica, anche se dal punto di vista edilizio l’intervento dovesse risultare eseguibile liberamente (cioè senza il conseguimento di alcun titolo abilitativo). La procedura suddetta si divide in ordinaria e semplificata in relazione alla complessità delle opere da eseguire. Sul sito è scaricabile la relativa modulistica denominata “A5”.

9. Vorrei realizzare un manufatto per ricovero attrezzi in zona agricola, dove possiedo un piccolo orto e il mio terreno è lambito da un fiume, quali verifiche devo fare prima di presentare la domanda?
Nelle aree comprese nelle 2 fasce della larghezza dei 10 mt. adiacenti ai corsi d’acqua, misurati dal piede esterno degli argini o in mancanza dal ciglio di sponda, è assolutamente vietato qualsiasi intervento; inoltre è necessario verificare se il fiume o il corso d’acqua è vincolato, in tal caso, entro una fascia di rispetto di 150 mt., gli interventi sono condizionati all’acquisizione preventiva dell’autorizzazione paesaggistica (ordinaria o semplificata secondo le opere da realizzare). Al fine di verificare se l’area è vincolata, la tavola dei vincoli è visionabile sul sito internet del Comune, seguendo il percorso: “Servizi” “Guide Tematiche” “Urbanistica-edilizia-lavori pubblici” “Pianificazione Urbanistica”.

10. Ho una grande terrazza all’ultimo piano di un edificio condominiale in zona B4 di P.R.G., vorrei realizzare un piccolo locale deposito, quale procedura devo adottare?
Gli interventi previsti per la zona B4 si sensi dell’art.22 delle N.T.A. sono realizzabili esclusivamente a terra, sul lotto di pertinenza degli edifici condominiali e a condizione che siano verificati i prescritti parametri urbanistici e le norme di codice civile.

 

Ultimo aggiornamento: Lun, 22/02/2016 - 16:44